JESOLO SAND NATIVITY, SI CHIUDE L’EDIZIONE DEI RECORD

La mostra dedicata alle “Sculture di pace” è stata visitata da 140 mila persone e ha raccolto circa 100 mila euro di beneficenza.

Cala il sipario sull’edizione dei record dello Jesolo Sand Nativity. Il celebre presepe di sabbia di Jesolo ha chiuso domenica 5 febbraio le porte al pubblico dopo 2 mesi di intensa attività che hanno reso la mostra sulle “Sculture di pace”, tema scelto per quest’anno, la più visitata della storia dello Jesolo Sand Nativity e quella capace di raccogliere i maggiori fondi da destinare alla beneficenza.

Tra l’8 dicembre, giorno dell’inaugurazione, e domenica 5 febbraio, lo Jesolo Sand Nativity è stato visitato da 140.675 persone. La passata edizione più visitata era stata quella del 2017 con 131.000 ingressi. Attraverso le libere donazioni del pubblico e la vendita del merchandise, la manifestazione è riuscita a mettere insieme circa 100.000 euro che saranno interamente devoluti in beneficenza a sostegno di un progetto in Ucraina, uno in Colombia, tre in Guinea Bissau e Sierra Leone, Repubblica Centrafricana e Kenya oltre che l’attività dell’Istituto Oncologico Veneto (IOV) e 4 associazioni del territorio.

Quello dello Jesolo Sand Nativity è stato un grande viaggio iniziato con la scommessa della nuova location, che si è dimostrata perfetta considerando gli aspetti legati a logistica, sicurezza, accesso per i disabili e i parcheggi, pertanto rimarrà la sede della manifestazione – dichiara il sindaco della Città di Jesolo, Christofer De Zotti -. Il tema scelto quest’anno per la mostra è stato attualissimo e molto profondo, inoltre abbiamo avuto la possibilità di accogliere una rappresentanza di quell’Ucraina che oggi soffre e la presenza del vescovo di Kiev è stata un volano mediatico. Tutto questo ha fatto delle ‘Sculture di pace’ l’edizione dello Jesolo Sand Nativity finora più visitata e, cosa ancora più importante, quella capace di raccogliere i maggiori fondi da destinare alla beneficenza. Ora pensiamo alla prossima, consapevoli che la rassegna natalizia nel suo insieme non è mai andata così bene e, finalmente, Jesolo può smettere di sognare di uscire dal binomio stagione-fuori stagione e pensare a una programmazione annuale”.

“I numeri della manifestazione sono stati sorprendenti e la scelta di piazza Brescia come sede è stata azzeccata, ma il successo di quest’anno è soprattutto il frutto dell’impegno di molti tra cui i tanti volontari ai quali rivolgo un grande grazie da parte dell’intera amministrazione – aggiunge l’assessore al turismo, Alberto Maschio -. Jesolo Sand Nativity è una manifestazione della città intera e proprio per questo sono sicuro che potrà avere ancora tanto successo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: